Il rischio è un concetto fondamentale nell’analisi dei mercati finanziari. Una delle misure di rischio più ricorrenti è la volatilità: quando la volatilità sale, le “turbolenze finanziarie” si fanno più forti, al contrario, quando diminuisce dovrebbe essere sinonimo di “quiete”. Cosa è successo alla volatilità in questi ultimi giorni di tensione? Guardando al recente passato emerge che, nonostante i rischi geopolitici attraversati, la volatilità ha viaggiato su valori inferiori alla media: un esempio su tutti è quanto accaduto con la Brexit dello scorso giugno, quando alla notizia della vittoria del “Si” i mercati finanziari accusarono gravi perdite, aprendo così un periodo di “turbolenza”, che tuttavia si esaurì nel giro di qualche settimana, quando anche le piazze finanziarie più colpite recuperarono le perdite subite.

Cosa sta accadendo oggi?



Per continuare a leggere l'articolo devi aver effettuato l'Accesso.

Accedi o Registrati per accedere gratuitamente a tutti i contenuti di YellowChannel. Potrai accedere anche alla Simulazione di Investimento.