YELLOWPEDIA

Come comparare l'investimento azionario e quello obbligazionario

Per Utili aziendali e tassi di interesse|valutare correttamente il mercato azionario è sempre indispensabile porre a confronto la redditività delle azioni con quella di altre forme di investimento alternative (tipicamente le obbligazioni).

Per comparare i rendimenti dei due differenti mercati bisogna servirsi di indicatori di “rendimento del mercato azionario” e costruire numeri più o meno confrontabili.

  • Uno degli indicatori di sintesi più utilizzati a tale proposito è il cosiddetto earning yield ratio che rappresenta il rapporto tra il rendimento dei titoli obbligazionari a tasso fisso e il cosiddetto earning yield ossia il rapporto tra l’Utili aziendali|utile della singola azione o dell’indice azionario e il prezzo dell’azione o dell’indice azionario.
  • Un altro indicatore di sintesi abbastanza usato nel confronto della redditività relativa tra azioni e obbligazioni è il cosiddetto dividend yield ratio che rappresenta il rapporto tra il rendimento dei titoli obbligazionari a tasso fisso e il dividend yield ossia rapporto tra il dividendo della singola azione o dell’indice azionario e il prezzo dell’azione o dell’indice azionario.

È semplice capire a livello intuitivo che gli indicatori sopra rappresentino indicatori della redditività dell’azione.
Secondo l’interpretazione più diffusa, le azioni diventano costose e il mercato azionario pericoloso quando questi indicatori raggiungono livelli elevati. Purtroppo, nonostante la ragionevolezza delle premesse, l’utilizzo di questi due indicatori non sempre conduce a conclusioni sensate circa la valutazione delle performance delle azioni rispetto alle obbligazioni, le motivazioni sono legate a quanto è stato sopra circa la correlazione tra prezzo dell’azione e utile.